risorse territoriali del casentinorisorse territoriali del casentinorisorse territoriali del casentinorisorse territoriali del casentino

Comunità Montana del Casentino studio per l’aggiornamento delle risorse territoriali del casentino in ambito di attivita’ estrattive

risorse territoriali del casentino

Comunità Montana del Casentino

studio per l’aggiornamento delle risorse territoriali del casentino in ambito di attivita’ estrattive

Committente: Comune di Arezzo.
Anno inizio e fine dei lavori: 2008.

Obiettivo:

L’obiettivo dello studio è quello di approfondire il quadro conoscitivo esistente in ambito di attività estrattiva, di recupero delle aree escavate e di riutilizzo dei residui recuperabili dei territori ricadenti nel comprensorio della Comunità Montana del Casentino, in linea con i principi richiamati dalla legge regionale Toscana per il governo del territorio, che promuove lo sviluppo sostenibile delle attività pubbliche e private che incidono sul territorio medesimo, tenendo conto che lo svolgimento di tali attività e l’utilizzazione delle risorse territoriali ed ambientali deve avvenire garantendo la salvaguardia e il mantenimento dei beni comuni.

Quadro conoscitivo:

risorse territoriali del casentino
risorse territoriali del casentino

Lo studio prende base dalla documentazione esistente costituita dagli elaborati del piano intercomunale delle attività estrattive redatto nel giugno 1984 per conto della Comunità Montana del Casentino, dalla documentazione fornita dalla Regione Toscana in merito ai vari Piani Regionali delle Attività Estrattive (PRAE e PRAER) e dal PTCP della Provincia di Arezzo, prevedendo l’acquisizione della documentazione esistente con restituzione elaborata attraverso i Sistemi Informativi Geografici (GIS). L’elemento fondamentale per l’aggiornamento del quadro conoscitivo esistente è rappresentato dall’approfondimento delle conoscenze di base della geologia del Casentino che è avvenuto attraverso l’analisi della cartografia CARG e l’acquisizione delle cartografie geologiche di supporto ai vari Piani Strutturali Comunali.

Conclusioni:

La conclusione del lavoro nel 2008 prevedeva un veloce esaurimento della produzione d’inerti nell’area del Casentino dove attualmente l’attività estrattiva è svolta solamente in comune di Bibbiena, nei sedimenti alluvionali del torrente Corsalone e del torrente Sova. La cava di calcare di Lierna, nel Comune di Poppi è ancora attualmente inattiva per problematiche di assetto idrogeologico del versante, interessato in passato recente da movimenti franosi di grave entità ed in ogni caso propone scarse volumetrie d’interesse (circa 30.000 mc). In Casentino il PAERP, che costituisce di fatto il piano di programmazione delle attività estrattive per il prossimi anni, prevede di mantenere delle aree di Risorsa senza inserimento di nuovi Giacimenti in considerazione di due fattori principali:

  • il rischio idraulico per le zone di fondovalle;
  • le limitazioni di carattere paesaggistico per le aree di collina.
In relazione a quanto emerso dall’approfondimento del quadro conoscitivo di carattere geologico, si può ragionevolmente affermare che il Casentino offre una limitata risorsa estrattiva individuabile nella coltre di materasso alluvionale di fondovalle ed ancor più limitata risorsa di collina individuabile nelle formazioni geologiche prevalentemente calcaree. In merito ai risultati dell’analisi di mercato condotta tenuto conto comunque della crisi dei mercati nella quale siamo ancora coinvolti, si può rilevare che i fabbisogni di materia prima che dovranno soddisfare l’industria Casentinese per i prossimi anni a venire, dovranno essere reperiti con estrema attenzione in modo da non esaurire repentinamente le poche risorse sfruttabili nel territorio.

Galleria fotografica

risorse territoriali del casentinorisorse territoriali del casentinorisorse territoriali del casentinorisorse territoriali del casentino

Altri contenuti